Intervista Rai a Caliendo, Vaccari “Soldi pubblici spesi bene?”

Il senatore modenese Stefano Vaccari ha portato l’intervista all’ex patron del Modena Fc Caliendo all’attenzione della Commissione di vigilanza sui servizi radio-televisivi e dei vertici della Rai. Vaccari chiede che vengano spiegate le motivazioni della scelta di investire soldi pubblici per mandare una troupe a Montecarlo per intervistare sulla situazione fallimentare del Modena Fc proprio colui che ne è stato la prima causa. Il senatore chiede, inoltre, il diritto di replica, nella prossima puntata della “Domenica sportiva”, per il Comune di Modena, i calciatori, i tifosi e il nuovo presidente Taddeo.

Dopo aver interrogato il ministro dello Sport Luca Lotti e aver chiesto, per suo tramite, l’intervento della Covisoc, il senatore modenese Stefano Vaccari, capogruppo Pd in Commissione Ambiente, ha depositato ora una interrogazione in Commissione Vigilanza dei servizi radio-televisivi, assieme alla collega componente Camilla Fabbri, indirizzata anche al presidente e al direttore generale della Rai, incentrata sulla intervista andata in onda domenica scorsa, nell’ambito della trasmissione “Domenica sportiva” all’ex presidente del Modena calcio Antonio Caliendo. Com’è noto, una troupe Rai ha raggiunto Caliendo a Montecarlo, dove risiede, e ha raccolto un’intervista nel corso della quale l’ex patron del Modena ha espresso giudizi pesanti sulla condotta tenuta dai calciatori nella prima parte del campionato. Oltre alle proteste dei calciatori, anche l’attuale presidente del Modena Fc Taddeo ha preso le distanze con un comunicato ufficiale dalle affermazioni del suo predecessore. Nel testo dell’interrogazione, il senatore Vaccari ricorda i frutti avvelenati della gestione Caliendo: la società in concordato preventivo, lo sfratto dallo stadio Braglia, le inadempienze nei confronti del Comune di Modena, le violazioni in sede di iscrizione del club al campionato di Lega Pro, i mancati pagamenti nei confronti dei giocatori e dei dipendenti e collaboratori. E’ su queste basi che il senatore chiede “se il presidente e il direttore generale della Rai non ritengano di dover spiegare e motivare per quali motivi siano stati spesi (inutilmente) soldi pubblici per far arrivare un giornalista Rai e la relativa troupe sino a Montecarlo per intervistare sulla situazione fallimentare del Modena Fc proprio colui che ne è il principale responsabile e che si è macchiato di reati gravi nei confronti della Lega pro nonché dello Stato nelle sue varie articolazioni”. Il senatore Vaccari chiede, inoltre, “se il presidente e il direttore generale della Rai non ritengano utile e doveroso concedere una analoga possibilità di replica e smentita, nell’ambito della prossima puntata della “Domenica sportiva”, al Comune di Modena, ai giocatori del Modena Fc attraverso la loro associazione Aic, ai tifosi e all’attuale presidente Taddeo”.

       

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy