×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 980

Su Riina “Diritto del singolo già garantito. Nessuna revoca 41bis”

Il senatore modenese del Pd Stefano Vaccari, componente della Commissione Antimafia, interviene sulla possibilità che Totò Riina possa essere scarcerato per ragioni umanitarie. Ecco le sue considerazioni:

“Le questioni poste dalla Corte di Cassazione meritano senza dubbio una riflessione perché riguardano Il diritto a morire dignitosamente di ogni persona detenuta e quindi anche di Totò Riina. L’ipotesi di una mutazione della pena detentiva in arresti domiciliari, ora è nelle mani del Tribunale di Bologna che, sono certo, valuterà la decisione da prendere con saggezza e piena cognizione di causa, tenendo conto di tutti i fattori in gioco. Si perché il regime del 41bis è una condizione diversa di trattamento per chi si è macchiato di crimini efferati legati a una associazione mafiosa. La Commissione Antimafia ha avviato su questo una indagine per verificare nello specifico le condizioni di trattamento dei detenuti nelle sezioni riservate in alcune carceri, visitando quelle di Opera a Milano, di Parma e di Sassari. Ero presente alla visita a Sassari, carcere di massima sicurezza dove sono rinchiusi 90 detenuti al 41 bis, 23 per terrorismo. Anche lì ci sono persone malate che dispongono di un ambulatorio medico riservato attrezzato, mentre all’interno dell’ospedale di Sassari è allestito un mini reparto ad hoc. Se c’è una persona malata, lo Stato deve riservare un adeguato trattamento terapeutico a prescindere dai crimini commessi e dalla presenza o meno – che nel caso di Riina a Parma o Leoluca Bagarella a Sassari non c’è stata – di una presa di coscienza, di un percorso di ravvedimento e di conversione. Anche a Totò Riina, come a tutti gli altri detenuti al 41 bis, è giusto assicurare tutte le cure necessarie in carcere e, se occorre, in ospedale. Ma mi fermerei qui. Le condizioni di detenzione che la Commissione ha visto di persona sono tali che non si può affermare che il diritto alla salute e a una morte dignitosa siano pregiudicati e sulla base di questo assunto si possa tramutare la pena in arresti domiciliari. Oltre ad essere una concessione sproporzionata creerebbe un precedente grave che aprirebbe una falla nel sistema speciale di “carcere duro” che ha sempre spaventato i mafiosi e continua ad essere un elemento deterrente e determinante per attivare percorsi di riconversione e collaborazione con la giustizia. Inoltre se il capo della Direzione nazionale antimafia spiega che Rina è ancora il capo riconosciuto della mafia, come possiamo pensare di revocargli il 41 bis?”.

       

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Cookie Policy